L'aferesi nelle Unità di Terapia Intensiva: la parola al Nefrologo

  • Elena Mancini U.O.C. Nefrologia, Dialisi, Ipertensione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna
  • Anna Laura Chiocchini U.O.C. Nefrologia, Dialisi, Ipertensione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna
  • Raffaella Rizzo U.O.C. Nefrologia, Dialisi, Ipertensione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna
  • Laura Patregnani U.O.C. Nefrologia, Dialisi, Ipertensione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna
  • Antonio Santoro U.O.C. Nefrologia, Dialisi, Ipertensione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna
Parole chiave: Plasmaferesi, Plasmaseparazione, Supporto epatico extracorporeo, Sepsi, Emolisi

Abstract

I trattamenti aferetici sono oggi rappresentati da un'ampia gamma di trattamenti extracorporei che possono avere indicazione in diverse patologie, che vanno dalle malattie immunologiche alla sepsi e dall'insufficienza epatica alla patologia tossicologica. In larga parte affidati ai Servizi Trasfusionali, perché programmabili e da ripetere a cadenze definite, questi trattamenti devono, però, essere eseguiti anche dai Centri Nefrologici, che devono garantirne la fattibilità in urgenza/emergenza, in condizioni che, in alcuni casi, sono con prognosi quoad vitam e, pertanto, in area intensivologica. D'altra parte, i Nefrologi hanno tutto il know how che consente loro di poter eseguire trattamenti di aferesi anche direttamente in area critica, dove è più facile che possano essere ricoverati pazienti che, a seguito della patologia di base (intossicazione, avvelenamento, epatite acuta, ecc.), sono in condizioni estremamente critiche e richiedono assistenza intensivologica per il supporto alle funzioni vitali (polmonare, cardiaca, ecc.). La plasmaferesi urgente è definibile come un trattamento aferetico che deve essere iniziato il prima possibile e comunque non oltre le 24–36 ore dopo la diagnosi, quando la vita del paziente è in pericolo e non esistono valide alternative terapeutiche. Oggi le apparecchiature per il trattamento extracorporeo dell'insufficienza renale acuta sono utilizzabili anche per eseguire trattamenti di plasma exchange classici. La grande dimestichezza tecnologica e la preparazione culturale di medici nefrologi e infermieri assicurano che i trattamenti aferetici siano eseguiti con grande competenza. Oggi, inoltre, il progresso tecnologico ha portato alla disponibilità di strumentazioni complesse che consen-tono di non sostituire più il plasma del paziente, bensì di trattarlo con apposite resine: tali modalità sono oggi applicate soprattutto nel campo della sepsi e dell'insufficienza epatica e dovrebbero, pertanto, essere nel ba-gaglio formativo del personale nefrologico di supporto all'area critica.
Pubblicato
2013-02-08