L'epidemiologia dell'arteriopatia periferica nell'insufficienza renale cronica

  • Paola Brescia Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi, A.O. Carlo Poma, Mantova
Parole chiave: Arteriopatia periferica, Insufficienza renale cronica, Epidemiologia, Indice caviglia-braccio

Abstract

L'arteriopatia periferica (AP) non è al momento adeguata-mente diagnosticata e trattata dalla comunità medica. Eppure, l'AP rappresenta un potente predittore di coronaropatia e un fattore di rischio per mortalità nella popolazione generale. Questo aspetto dovrebbe essere di particolare interesse per i nefrologi, dato che la prevalenza di AP è sicuramente più elevata nei pazienti uremici che nella popolazione generale. La spiegazione del fenomeno è legata all'associazione, in questi pazienti, dei tradizionali fattori di rischio con quelli specifici della condizione uremica. Infatti, la malattia renale di per sé è un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo di AP, con un rischio che si rafforza al progressivo declino della funzione renale. L'attuale situazione epidemiologica dell'AP nei pazienti uremici è oggetto di questa revisione.
Pubblicato
2013-07-29